Approfondimenti

Scopri di più sul filler labbra a Trapani col dott. Mattozzi

Filler labbra o botox? Conosci la differenza?

Il filler labbra e il botox (o botulino) sono due trattamenti anti-age di chirurgia e medicina estetica che hanno lo scopo di ringiovanire l’aspetto della pelle, principalmente riempiendone le rughe.

I due metodi utilizzano sostanze differenti così come sono diverse le indicazioni per ricorrervi ed è fondamentale rivolgersi a un chirurgo estetico prima di sottoporsi a un intervento di filler o di botox.

Le principali differenze tra filler labbra e botox

  • Il filler labbra è un trattamento non invasivo eseguito per riempire le rughe dovute all’invecchiamento cutaneo e impiega una sostanza naturalmente prodotta dal nostro organismo, l’acido ialuronico.
  • Il botox è anch’esso un trattamento non invasivo eseguito per distendere le rughe d’espressione e prevede l’utilizzo di un farmaco, la tossina botulinica conosciuta anche come botulino.

Approfondiamo insieme la differenza tra filler labbra e botox.

Filler labbra: cosa è e come si esegue il trattamento 

Pur se non invasivo, il filler labbra viene comunque classificato come un intervento di chirurgia estetica: consiste nell’iniezione nelle labbra dell’acido ialuronico che permette di riempire le rughe che si formano attorno alle labbra stesse con il risultato di farle apparire più sode e carnose.

L’acido ialuronico è una sostanza naturalmente prodotta dal nostro organismo e contribuisce all’elasticità del tessuto connettivo.

Se è già presente nell’organismo, perché allora si ricorre alle infiltrazioni di acido ialuronico?

Perché questa sostanza tende a diminuire con il progredire del tempo, cioè con l’avanzare dell’età, e quindi la pelle diviene meno elastica; ciò significa che le rughe che sono causate dall’invecchiamento della pelle non possono da sé ricomporsi. Si ricorre quindi al trattamento di filler per rimpolpare la pelle.

Non ci sono particolari controindicazioni al trattamento di filler labbra ma è buona norma valutare con il chirurgo estetico o con il dermatologo se sottoporsi o meno a queste iniezioni.

Il filler labbra non è un trattamento permanente: l’effetto rassodante che ne deriva permane per circa 6 – 9 mesi perché il corpo tende ad assorbire l’acido ialuronico. Una volta trascorso questo periodo è possibile eseguire nuovamente le infiltrazioni.

Le iniezioni di ialuronico non sono particolarmente dolorose ma di solito prima del trattamento si procede a stendere sulle labbra una crema anestetizzante che riduce la sensazione di dolore che potrebbe derivarne semplicemente perché le labbra sono ricche di terminazioni nervose. Non essendo un trattamento invasivo, il filler labbra non richiede la degenza e pertanto è possibile tornare alle proprie attività quotidiane senza alcun problema dopo aver eseguito l’iniezione.

Botox: cosa è e come si esegue il trattamento

Il botox è un altro trattamento non invasivo che prevede l’iniezione della tossina botulinica nelle zone interessate dal trattamento al fine di spianare, ridurre, le rughe di espressione, in modo particolare quelle che si formano intorno agli occhi (le cosiddette rughe perioculari) e quelle che si formano sulla fronte o sul collo.

La tossina botulinica, a differenza dell’acido ialuronico, è un farmaco impiegato nella cura di diversi disturbi e il suo utilizzo nell’ambito della medicina estetica è stato autorizzato in Italia nel 2004. Agisce inibendo la contrazione dei muscoli del volto con l’effetto quindi di ridurre le rughe: non significa che i muscoli sono paralizzati ma semplicemente che non si producono le rughe di espressioni che li caratterizzano quando li attiviamo.

Così come il filler labbra, il botox viene iniettato con una siringa dotata di un ago molto sottile e quindi non è un intervento invasivo.

Anche in questo caso l’effetto generato dal trattamento di medicina estetica a base di botulino ha un effetto temporaneo, che dura dai 4 ai 6 mesi, pertanto è necessario ripetere il trattamento per mantenere l’effetto di distensione delle rughe costante nel tempo.

La scelta di sottoporsi a un trattamento di Botox (che è uno dei nomi commerciali della tossina botulinica) va, ancora una volta, indagata con un medico specializzato in chirurgia estetica, il quale potrà valutare se il trattamento è indicato o meno per uno specifico paziente.

Condividi questo post