Approfondimenti

Peniscopia presso il dermatologo a Palermo

Peniscopia presso il dermatologo: cos’è e come viene effettuata?

La peniscopia è una tecnica per la diagnosi delle lesioni genitali che consente  l’identificazione dei condilomi e della Pein (penile intraepithelial neoplasia). Quest’ultima  è una condizione precancerosa del pene e la localizzazione più frequente della Pein è il glande. Se non viene curata, una grossa percentuale di Pein evolve in carcinoma invasivo squamoso del pene e ciò può essere estremamente dannoso per il paziente.   La peniscopia  è utile per portare alla luce e definire lesioni clinicamente evidenti ma anche per la diagnosi e la terapia di  lesioni non evidenti.

La Pein viene solitamente agevolata dalla presenza di condilomi, da irritazioni croniche dovute a scarsa igiene, dal fumo o dall’uso di farmaci immunosoppressivi .

La peniscopia, solo se effettuata  con acido acetico al 5% e uso di colposcopio presso uno studio dermatologico specializzato in venereologia, è  la tecnica diagnostica più importante per la diagnosi di condilomi e di altre lesioni di tipo HPV nel maschio.

La peniscopia non è dolorosa, non necessita di lunghi tempi e non è invasiva. In sostanza, l’esame di peniscopia consiste nell’osservazione ingrandita del pene dopo l’applicazione di una soluzione di acido acetico al 5 %. Il risultato dell’esame peniscopico viene consegnato immediatamente alla fine della visita.

L’importanza della peniscopia e dell’eventuale trattamento in presenza di lesioni HPV è confermata dal fatto che il maggior fattore rischio per una donna di ammalarsi di tumore del collo dell’utero o di altre malattie legate al papillomavirus è quello di avere un partner con tale tipologia di diagnosi clinica. Prenota la tua peniscopia dal tuo dermatologo.

Condividi questo post